Pier Francesco Mola.pdf

Pier Francesco Mola

none

Questo approfondimento su Pier Francesco Mola contiene molte novità, ma non è un catalogo completo, né si riferisce solo a specialisti di storia dellarte. Riporta scoperte su problemi piccoli e grandi che toccano lartista, nato in Ticino e vissuto a Roma, particolarmente internazionale per cultura. Oltre a qualche nuova impresa sicura, viene chiarita la sua misteriosa gioventù e, soprattutto, riconosciuto il ruolo che egli ha avuto nella storia dellespressione. In tal senso spicca un gruppo di disegni, che si rivela un vero e proprio diario personale illustrato, centrato su problemi professionali e familiari. Mola si pone così ai vertici dellarte seicentesca (non solo di quella figurativa), protagonista di un racconto intimo, destinato a non trovare paragoni fino alle soglie del Romanticismo. La nuova lettura di questi fogli, finora equivocati, insieme a ritrovamenti darchivio, danno notizie sulla vita dellartista, naufragata a seguito di unazione giudiziaria mossa avventatamente contro un principe romano. Linsieme offre spunti densi sulla storia, la società, le persone e larte del tempo.

Il Pascoli nella sua biografia su Pier Francesco Mola (Coldrerio, Canton Ticino 1612 - Roma 1666) esordisce con enfasi, rimarcando la fama che l'artista svizzero-romano ebbe in vita e la confidenza goduta presso personalità di primo piano: "Fra i bravi professori…forse niuno è stato com'egli generosamente riconosciuto, e nobilmente trattato da' sovrani"; lo storico ricorda che ...

8.67 MB Dimensione del file
9788857218342 ISBN
Pier Francesco Mola.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.aprimopainters.net.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Pier Francesco MOLA (1612-1666) è un artista nato/a nel 1612. La prima aggiudicazione registrata sul sito è un/a pittura del 1984 da Cornette de Saint-Cyr, e la più recente un/a pittura del 2020. La quotazione e gli indici dell'artista stabiliti da Artprice.com si basano su 217 aggiudicazioni. Mola Pier Francesco - Catalogo delle Stampe e delle matrici d'incisione conservate in Lombardia: autori.

avatar
Mattio Mazio

Pier Francesco Mola, called Il Ticinese (9 February 1612 – 13 May 1666) was an Italian painter of the High Baroque, mainly active around Rome. Pier Francesco Mola. 1612 - 1666. Mola was born in Coldrerio, near Lugano. Apart from two periods in his youth, Mola spent most of his life in Rome, where his ...

avatar
Noels Schulzzi

Pier Francesco Mola (1612-1666) - The Rest on the Flight into Egypt - NG160 - National Gallery.jpg 800 × 527; 68 KB Pier Francesco Mola - Anbetung der Hirten - GG 9117 - Kunsthistorisches Museum.jpg 1,493 × 1,120; 681 KB MOLA, Gaspare. - Nacque a Como intorno al 1567 (Bulgari) da Donato, originario di Breglia, e da Isabella, di [...] e artisti che con lo stesso cognome operarono a Roma nel Seicento, tra cui Pier Francesco Mola, con i quali non sono però documentate relazioni di parentela.

avatar
Jason Statham

Bacchus and Ariadne by Pier Francesco Mola 17th century. A work from the collections of the de Young and Legion of Honor museums of San Francisco, CA.

avatar
Jessica Kolhmann

Pier Francesco Mola (Coldrerio 1612 - Roma 1666) Allegoria della Gerusalemme liberata, prima metà del XVII secolo. Penna, inchiostro, acquerello e biacca su carta mm. 273x225 Marchio Collezione GM. Filigrana assente. Storia Collezione privata, Firenze Bibliografia Pier Francesco Mola Nel borgo medievale c'è il Palazzo Pamphilj, costruito alla metà del seicento dal principe Camillo della nota famiglia romana, donato nel 1950 da Giovannangelo Borghese alla Curia Vescovile di Albano, che ne è ancora la proprietaria.