Occhi che guardano. Oncorosa: laboratorio di scrittura terapeutica.pdf

Occhi che guardano. Oncorosa: laboratorio di scrittura terapeutica

Richiesta inoltrata al Negozio

LAssociazione di Volontariato per Malati Oncologici ONCOrosa si propone di intervenire spontaneamente, senza scopi di lucro ed esclusivamente per solidarietà sociale nel settore delle malattie tumorali. Punto di riferimento di tale intervento è lUnità Operativa di Oncologia Medica della Azienda Ospedaliera di Cosenza. Il programma dellAssociazione mira ad unattività di sostegno in senso lato verso i malati di tumore e verso i loro familiari. Un sostegno che vuole essere non solo di natura pratica e tecnica, ma anche affettiva e psicologica, cercando di offrire al paziente e alla sua famiglia un punto di riferimento utile e valido per vivere meglio il durante e il dopo della patologia tumorale.

Scrittura terapeutica: 5 semplici esercizi ... l’unica differenza è che l’esercizio va svolto ad occhi chiusi. 7 nuovi esercizi di scrittura creativa - Penna blu Quando si parla di “esercizi scrittura creativa” ... necessari se volete simulare un laboratorio di scrittura creativa, facciamo una piccola premessa

3.58 MB Dimensione del file
9788868228484 ISBN
Occhi che guardano. Oncorosa: laboratorio di scrittura terapeutica.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.aprimopainters.net.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Libri di Narrativa. Acquista Libri di Narrativa su Libreria Universitaria: oltre 8 milioni di libri a catalogo. Scopri Sconti e Spedizione con Corriere Gratuita! - Pagina 2316 La scrittura consapevole: i benefici. Sentiamo spesso parlare di scrittura consapevole in diversi contesti e a volte anche con diversi significati e sfumature. In effetti, a dire il vero, può essere impiegata con valenze particolari. La prima cosa a cui pensiamo la esprime la parola stessa "consapevole".

avatar
Mattio Mazio

scrittura / Perché scriviamo (mercoledì, 9 maggio 2012) Una delle domande più interessanti che si possa fare a uno scrittore è perché scrive. Può sembrare una domanda molto semplice, persino banale però, come diceva la poetessa polacca Wislawa Szymborska, sono le domande più semplici a richiedere risposte più complicate. Chiudete gli occhi un momento e provate ad immaginare in questo momento che siamo così vicino al Natale e abbiamo bisogno di sentire il calore umano delle persone chiudete gli occhi e immaginate di avere un telefono e che questo telefono sia collegato direttamente con il cielo chiamiamo questo cielo e diciamo a queste persone quanto le amiamo Fabio Marziali con l'emozione è veramente tanta ...

avatar
Noels Schulzzi

Giovedì 14 aprile, alle ore 18.00, all’interno della mostra/laboratorio “Fragilità e leggerezza” organizzata dall’Ass.Le Ali di Pandora, la Comunità Emmanuel e RETE TIAPP (Tutti Insieme Alla Pari Per La Prevenzione) daranno vita agli incontri/laboratorio “Onda d’urto” di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione delle dipendenze in cui esperti argomenteranno sulle ...

avatar
Jason Statham

Occhi che guardano. Oncorosa: laboratorio di scrittura terapeutica, Libro. Sconto 5% e Spedizione gratuita per ordini superiori a 25 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Pellegrini, collana Fuori collana, brossura, dicembre 2019, 9788868228484.

avatar
Jessica Kolhmann

“O ffrire all’esterno questa conoscenza diretta della comunità dall’interno, attraverso le coraggiose testimonianze di chi affronta tutti i giorni in comunità le conseguenze della tossicodipendenza”, questo in sintesi il focus del libro: la struttura è un laboratorio autobiografico in cui i pazienti – nove maschi – di un centro per riabilitazione da tossicodipendenza si raccontano.