Lo spreco.pdf

Lo spreco

none

Volevate sapere fino a che punto possono arrivare le scelleratezze della pubblica amministrazione italiana? Eccovi serviti: deputati che portano il suocero in vacanza a spese dello stato, allevatori che iniettano la tubercolosi per intascare i contributi governativi, una bidella che va in pensione dopo undici mesi di assunzione. Gian Antonio Stella ricostruisce il modo in cui è stato accumulato lenorme debito pubblico italiano.

Lo spreco alimentare misura la "temperatura ecologica" del Paese, per usare la definizione di Andrea Segrè, ordinario di Politica agraria internazionale e comparata nell'Università di Bologna, fondatore di Last Minute Market e ideatore della campagna di sensibilizzazione sullo spreco alimentare Spreco Zero. Anche lo spreco alimentare è direttamente legato agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda Onu 2030, in particolare il 12 (consumo e produzione responsabili) e il 13 ... Lo spreco alimentare - Cause, impatti e proposte Un'analisi puntuale di un fenomeno complesso, lo spreco alimentare, che rappresenta uno dei principali paradossi globali. Il paper guida alla scoperta degli sprechi a ogni livello della filiera agroalimentare, del lungo cammino verso l'ottimizzazione della produzione e del consumo alimentari e delle possibili soluzioni.

7.38 MB Dimensione del file
9788804486961 ISBN
Gratis PREZZO
Lo spreco.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.aprimopainters.net.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Lo spreco di cibo - dal residuo in campo alla produzione e distribuzione allo spreco domestico - vale nel mondo circa 2.060 miliardi di euro. In Italia lo spreco domestico vale lo 0,5% del nostro Pil, oltre 8 miliardi di euro. Da un terzo a metà del cibo che potrebbe sfamare qualcuno, va invece in pattumiera.

avatar
Mattio Mazio

05/02/2020

avatar
Noels Schulzzi

5 feb 2020 ... I numeri dello spreco nel nostro paese sfiorano ad oggi cifre impressionanti: lo sperpero di cibo degli italiani vale quasi 12 miliardi di euro, che ... 4 feb 2020 ... I dati della Giornata Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare segnano un miglioramento nelle abitudini degli italiani.

avatar
Jason Statham

Spreco alimentare in Italia. Il cibo buttato in Italia è pari a 17 tonnellate che corrispondono a 11 miliardi di valore economico, ma soprattutto causa una perdita di oltre 10 miliardi di metri cubi d'acqua. Lo spreco alimentare vale 16 miliardi di cui circa 1 persi in ogni fase di produzione, trasformazione industriale e grande distribuzione. Lo spreco alimentare misura la "temperatura ecologica" del Paese, per usare la definizione di Andrea Segrè, ordinario di Politica agraria internazionale e comparata nell'Università di Bologna, fondatore di Last Minute Market e ideatore della campagna di sensibilizzazione sullo spreco alimentare Spreco Zero. Anche lo spreco alimentare è direttamente legato agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda Onu 2030, in particolare il 12 (consumo e produzione responsabili) e il 13 ...

avatar
Jessica Kolhmann

Non c'è spazio per la perdita e lo spreco di cibo in questo periodo di crisi! La pandemia Covid-19 è un campanello d'allarme e ci invita il modo in cui produciamo, maneggiamo e sprechiamo il nostro cibo! La riduzione delle perdite e dello spreco di cibo ci fornisce un potente mezzo per rafforzare i nostri sistemi alimentari. Lo spreco è una questione di comportamento individuale, almeno in parte. E pesa anche in modo molto concreto sulle nostre tasche, visto che il valore medio buttato via ogni anno da ciascuno di noi è di poco meno di 200 euro. E su questo molto si può fare cambiando le proprie abitudini.