L immigrazione straniera in Italia.pdf

L immigrazione straniera in Italia

Corrado Bonifazi

Il quindicennio appena trascorso ha rappresentato per le migrazioni internazionali un periodo di grande crescita e di importanti trasformazioni. I processi di globalizzazione economica e la caduta del muro di Berlino hanno prodotto nuovi flussi migratori e lallargamento delle aree demigrazione. LItalia, a lungo paese demigrazione, è ormai diventata una delle principali destinazioni nello scenario europeo. Questa versione aggiornata del volume illustra il fenomeno dellimmigrazione straniera in Italia dal punto di vista sia statistico sia interpretativo, fornendo gli elementi di informazione e riflessione indispensabili per affrontare, senza pregiudizi o strumentalizzazioni, una realtà che già oggi incide in maniera significativa sugli equilibri demografici, sociali ed economici del nostro paese. Viene così delineato il quadro complessivo del problema nei suoi molteplici aspetti: i fattori che innescano gli spostamenti di popolazione

La popolazione straniera regolare è sì aumentata da 3,8 a 5,1 milioni (con un’incidenza sulla popolazione complessiva che passa dal 6,5% all’8,5% attuale), ma negli ultimi cinque anni aumentata solamente di 220 mila persone: in pratica il numero degli stranieri regolari residenti in Italia è stabile dal 2014.

6.93 MB Dimensione del file
9788815116147 ISBN
L immigrazione straniera in Italia.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.aprimopainters.net.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La consapevolezza di un diffuso e crescente malessere sul fronte del welfare matura oggi di pari passo con i profondi mutamenti, osservati e attesi, nella struttura demografica di molti Paesi europei; e in tal senso, l’Italia è forse quello che mostra i sintomi di una maggiore criticità.

avatar
Mattio Mazio

Oggi l’Italia è diventata una meta per gli immigrati. Nel 2010 gli stranieri legalmente in Italia erano circa quattro milioni e mezzo, più che raddoppiati rispetto al 2001. Tenendo conto degli La popolazione straniera in Italia non è in espansione. Nel 2018 è cresciuta del 2,2 per cento, arrivando quindi a 5.255.500 residenti, ovvero l’8,7 per cento di tutti gli abitanti nel nostro Paese, ma l’aumento netto di 111.000 presenze è dovuto principalmente ai 64.500 bambini nati da coppie straniere già presenti sul territorio italiano.

avatar
Noels Schulzzi

di Alessandra Algostino Abstract: La storia dell'immigrazione dalla nascita della ... al volume di Michele Colucci, Storia dell'immigrazione straniera in Italia.

avatar
Jason Statham

Storia dell’immigrazione straniera in Italia Dal 1945 a oggi L’immigrazione straniera in Italia non si può più definire un fenomeno recente. All’inizio del 2018 gli stranieri in Italia sono in tutto 5 milioni e 68mila e tale presenza discende da una lunga catena di eventi, di flussi, di movimenti. L’immigrazione è un fenomeno complesso, solo attraverso un’analisi demografica approfondita se ne possono cogliere gli effetti e le diverse sfaccettature. In Italia è oggetto di studi approfonditi che hanno l’obiettivo di riuscire ad interpretare socialmente ed economicamente il fenomeno in maniera corretta.. Immigrazione in Italia: gli effetti sulla società

avatar
Jessica Kolhmann

Immigrazione e presenza straniera in Italia Rapporto realizzato per l’Oecd Expert Group on Migration 2 gruppo degli ultra 65enni e 26% contro 19,6% nel gruppo dei 45-64enni). La nuova emigrazione italiana Il numero delle cancellazioni dall’anagrafe per l’estero, giunte nel 2015 a 145mila e all’8% in più