Il tempo e lo spazio. La percezione del mondo tra Otto e Novecento.pdf

Il tempo e lo spazio. La percezione del mondo tra Otto e Novecento

Stephen Kern

Con unindagine che intreccia storia della tecnologia e analisi filosofica, storia dellarte e storia delle idee, Kern mette a fuoco la serie dei mutamenti avvenuti tra gli ultimi due decenni dellOttocento e la prima guerra mondiale, che modificarono i modi di percepire il tempo e lo spazio e diedero luogo, in altri termini, a una nuova identità delluomo occidentale. Kern si sofferma, in questo saggio, da un lato sui cambiamenti tecnologici quali il telefono, la radiotelegrafia, i raggi X, il cinema, la bicicletta, lautomobile, laereo

1 IL TEMPO E LO SPAZIO - LA PERCEZIONE DEL MONDO TRA OTTO E NOVECENTO cap. 1 - la natura del tempo Secondo Newton esiste un solo tempo, assoluto, che scorre uniformemente, mentre per Kant esiste un tempo soggettivo, ovvero forma e fondamento dell’esperienza soggettiva e tuttavia universale in quanto è il medesimo per ogni individuo. lo sviluppo più significativo nella storia dell ...

7.51 MB Dimensione del file
9788815119148 ISBN
Gratis PREZZO
Il tempo e lo spazio. La percezione del mondo tra Otto e Novecento.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.aprimopainters.net.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

2 R. Kern, Il tempo e lo spazio. La percezione del mondo tra Otto e Novecento, Bologna, Il Mulino, 20 ; 3 G. Bufalino, Passione del personaggio, in Id., Opere/2 1989.1996, cit., p. 1178.; 1 Per Bufalino la storia del romanzo moderno è segnata da una frattura. Il primo Novecento coincide con il momento di una trasformazione e di una caduta. Si sfaldano le certezze che caratterizzavano la ...

avatar
Mattio Mazio

Possiamo quindi dire che lo spazio e il tempo sono collegati tra loro e possono modificarsi a seconda delle circostanze e del sistema di riferimento. Per questo motivo la quarta dimensione ( il tempo ) non deve essere considerato come una grandezza indipendente dallo spazio, bensì come una coordinata indispensabile per misurare lo stato fisico.

avatar
Noels Schulzzi

La fama di Einstein nel mondo… …e in Italia; Einstein e Bergson. 5. Le “favole sul tempo”. La “posta in gioco” nel romanzo; Il tempo tra senso e non senso ... anni Ottanta dell'Ottocento, poi, Mach critica i concetti newtoniani di spa... nell'antichità si connettono: il concetto ciclico del mondo e della vita ... La più antica e diffusa concezione del Tempo è quella che lo considera come ... lo spazio e con il tempo, attenendosi unicamente ai dati dell'esperienza....

avatar
Jason Statham

515 | Alessandro Luigini, Carnet de Voyage 2.0. Il tempo, lo spazio e l’esperienza dei luoghi al tempo dei Social Network tra immagini e parole 523 | Elena Ippoliti, Francesca Guadagnoli, Le vie d’Italia (1917-1935). Apparati grafici e iconografici per la costruzione di un immaginario urbano Un’architettura più che umana che custodisce gelosa i segreti di un mondo e i ... del simbolismo europeo, tra Otto e Novecento, che sfocia poi anche nei ... della sezione Il contrasto fra il divino e il tempo, nel seguente passo: “la voce chiamava, portava/in sé tutto lo spazio dilatato/e solenne di un tempo infinito ...

avatar
Jessica Kolhmann

TEMPO – BIDIMENSIONALE nell’ ARTE e nella SCIENZA. Paolo Manzelli [email protected] PABLO PICASSO (1937) Bombardamento aereo di «Guernica» PREMESSA:. Le necessita del cambiamento mentale sono percepite anticipatamente dall’ arte ed in seguito dalla trasformazione dei … La cifra estetico-stilistica che subito si impone alla lettura analitica di questo libro poetico è la dualità linguistico-formale con cui si misura Francesco Di Giorgio la cui ricchezza lessicale che sostiene le due sezioni (Nero di luce a specchio, La ballata della figlia della luna) che compongono questo originale lavoro, congedato come La cruna lo…